Interruttore di abilitazione per l'installazione e interruttore di abilitazione nella maniglia, a 3 stadi

  • 1 Contatto principale
  • Dimensioni piccole e compatte
  • senza tappo di gomma
  • 2 contatti di lavoro
  • 0-2 Contatti ausiliari
  • Giallo, Nero, Grigio
  • 2 contatti di lavoro
  • Dimensione di installazione Ø 16mm
  • Giallo, Nero, Grigio
  • 2 contatti di lavoro
  • Dimensione di installazione Ø 16mm
  • Giallo, Nero, Grigio
  • 2 Contatti principali
  • 2 contatti ausiliari
  • Giallo, Nero, Grigio
  • 2 contatti di lavoro
  • Classe di protezione IP 66
  • Pulsante di arresto di emergenza opzionale
  • 2 contatti di lavoro
  • Classe di protezione IP 66
  • Pulsante di arresto di emergenza, pulsante, interruttore a chiave

Funzionamento a 3 stadi Interruttore di abilitazione (IEC 60947-5-8)

Il funzionamento dei nostri pulsanti di consenso è a 3 stadi o basato su 3 posizioni. I contatti di lavoro sono azionati in posizione centrale. A questo scopo, abbiamo implementato un punto di pressione ben visibile nel design. In caso di un’azione di panico/lesione, l’operatore stringerebbe con forza (3° stadio) o rilascerebbe la maniglia (1° stadio). Entrambe le volte, i contatti di lavoro verrebbero disattivati e quindi il sistema si fermerebbe. Il 2° stadio deve quindi essere attivato e tenuto attivamente. L’applicazione è principalmente durante l’installazione o la manutenzione di macchine o robot all’interno di aree pericolose.

Funzionamento a 3 stadi per una manutenzione sicura delle macchine

Ci possono sempre essere motivi per disattivare il dispositivo di protezione nella zona di pericolo di macchine e impianti industriali, ad esempio per la manutenzione e la riparazione. In altre parole, ogni volta che il personale operativo deve lavorare direttamente in queste aree pericolose per eseguire lavori di programmazione, test o assistenza. Qui si fa anche una distinzione tra il funzionamento normale– per lo più automatico – e il funzionamento speciale manuale. Nella maggior parte degli impianti industriali moderni, il funzionamento “normale” sta quindi per funzioni automatiche, ad esempio nei robot. È qui che le misure di protezione operative hanno effetto. Questi causano l’arresto della macchina se una persona entra nella zona di pericolo o se la porta di sicurezza si apre.

Ma se si tratta di…:

  • Nuova installazione
  • Conversione del processo
  • Risoluzione dei problemi
  • Manutenzione
  • Programmazione

…allora le protezioni normali devono essere rimosse e la macchina controllata in modalità manuale. Per proteggere le persone e i sistemi dai danni, vengono utilizzati i cosiddetti interruttori di abilitazione. Questo perché se i dispositivi di protezione del funzionamento normale sono disattivati, devono essere prese misure aggiuntive per poter garantire la protezione personale anche nel funzionamento speciale. Questi includono, soprattutto, gli interruttori di abilitazione a 3 stadi.

Il loro uso è prescritto dalle Direttive Macchine Allegato 1 non appena il dispositivo di protezione viene rimosso in questi modi di funzionamento. Le linee guida affermano che in questo caso si deve usare un dispositivo bloccabile, che abilita il funzionamento della macchina solo attraverso una seconda azione separata. Pertanto, se un operatore nella zona di pericolo può muovere la macchina, deve essere confermato anche l’interruttore di abilitazione sotto forma di un dispositivo di controllo azionato manualmente. Ogni persona che lavora nella zona di pericolo deve portare questo dispositivo di abilitazione.

Come funzionano gli interruttori di abilitazione a 3 stadi

Il compito principale degli interruttori di abilitazione è quello di prevenire danni a persone e cose in caso di movimenti incontrollati o imprevedibili della macchina. In caso di panico, la gente reagisce o premendo forte il pulsante o lasciandolo andare completamente: entrambi spengono la macchina in modo affidabile.

Il funzionamento dei nostri pulsanti di consenso è a 3 stadi o basato su 3 posizioni. La cosiddetta funzione OFF-ON-OFF – cioè il design a 3 stadi – è regolata dalle norme internazionali.

  • Livello 1: il pulsante non è stato ancora premuto. La macchina è disattivata (Off) o funziona con le funzioni di sicurezza attivate del funzionamento normale
  • Fase 2: la posizione centrale dell’interruttore di abilitazione. In questo caso, la macchina funziona mentre i dispositivi di protezione di separazione come le porte sono disattivati per poter effettuare lavori di manutenzione o fare nuove impostazioni (On).
  • Fase 3: se il pulsante viene premuto troppo forte o spinto attraverso, la macchina viene portata a un punto morto (Off). Ecco come l’interruttore di abilitazione protegge l’operatore e le persone nella zona di pericolo nel caso di una reazione eccessiva in una situazione di spavento

I contatti di lavoro sono azionati in posizione centrale. A questo scopo, abbiamo implementato un punto di pressione ben visibile nel design. In caso di un’azione di panico/lesione, l’operatore stringerebbe con forza (3° stadio) o rilascerebbe la maniglia (1° stadio). Entrambe le volte, i contatti di lavoro verrebbero disattivati e quindi il sistema si fermerebbe. Il 2° stadio deve quindi essere attivato e tenuto attivamente. Solo allora è possibile il funzionamento speciale manuale dell’impianto industriale mentre i normali dispositivi di protezione sono disattivati durante la manutenzione, la programmazione o il cambio di processo. L’uso di un interruttore di abilitazione è quindi principalmente fatto quando si installano o si mantengono macchine o robot all’interno di aree pericolose.

Il principio funzionale a 3 stadi si basa quindi sulla visione ergonomica secondo la quale un operatore stringerebbe troppo o lascerebbe andare bruscamente in una situazione spaventosa, come una scossa elettrica, o anche in caso di un attacco cardiaco.

Un altro requisito di sicurezza per un interruttore di abilitazione è che i contatti non siano chiusi nella fase 2 quando si passa dalla fase 3 alla 1 , in modo che non ci sia un’attivazione momentanea della macchina.

Gli interruttori di abilitazione a 3 stadi di B-COMMAND sono caratterizzati dai seguenti vantaggi:

  • Ergonomia esemplare
  • Peso ridotto
  • Punto di pressione leggero e stabile
  • 2 circuiti di lavoro (ridondanza)
  • Contatti ausiliari per funzioni di monitoraggio
  • Difficile da manipolare
  • Forza di azionamento dalla posizione 2 (on) alla posizione 3 (off – se schiacciato troppo forte) per la pressione centrica ed eccentrica identica

La maggior parte degli interruttori di abilitazione hanno contatti di commutazione ridondanti e attuatori ridondanti. La deviazione degli stati di commutazione di entrambi i contatti può essere riconosciuta come un guasto per mezzo di un circuito adatto e la macchina, nonostante i contatti eventualmente danneggiati, può essere messa fuori uso. Per un comfort operativo ottimale, la forza di azionamento dalla posizione 2 alla 3 è assolutamente identica sia per la pressione centrica che eccentrica: anche la commutazione con un solo dito all’estremità esterna è possibile in modo affidabile. Inoltre, la forza operativa necessaria cambia solo marginalmente anche dopo il 10.000° azionamento.

 

La qualità e l’affidabilità della produzione sono conformi a IEC 60947-5-8

Anche se i regolamenti internazionali richiedevano l’uso di interruttori di abilitazione a 3 stadi, nulla era specificato per quanto riguarda la forza operativa e la durata di vita degli interruttori. Ma entrambi hanno un’importanza cruciale ed ergonomica. Tutti gli interruttori di abilitazione B-COMMAND sono stati progettati e testati con particolare attenzione alla lunga durata e alla massima sicurezza.

I requisiti speciali della direttiva IEC 60947-5-8 hanno costituito la base della gamma di prodotti. Tutti gli interruttori di abilitazione sono stati testati e certificati secondo le specifiche di IEC 60947- 5-8.

Quindi i nostri pulsanti di consenso abilitano:

  • Lavorare in sicurezza nella zona di pericolo
  • Il monitoraggio dei processi con il dispositivo di protezione di separazione (ad es. porte di sicurezza) aperto o disattivato. Questo è importante, per esempio, nel caso di cambiamenti di processo o di nuove installazioni
  • La protezione dell’operatore e delle persone che lavorano nell’area pericolosa da reazioni eccessive nel controllo della macchina.
  • Funzionamento confortevole grazie all’alloggiamento di forma ergonomica

Standard e approvazioni per gli interruttori di abilitazione

Gli interruttori di abilitazione integrati nei circuiti di sicurezza di un impianto industriale hanno una funzione di protezione personale e dell’impianto. La progettazione della funzione, così come l’integrazione e l’installazione in funzione, devono quindi basarsi sulla Direttiva Macchine e sulle norme europee. La direttiva macchine è stata recepita nel diritto nazionale degli stati membri dell’UE ed è quindi vincolante per ogni produttore. I requisiti dettagliati per gli interruttori come l’interruttore di abilitazione sono definiti in EN 60947 Parte 5-1 (Apparecchiature di commutazione e controllo a bassa tensione – Parte 5-1: Dispositivi per circuiti di comando ed elementi di commutazione; dispositivi elettromeccanici per circuiti di comando). Solo quando tutti questi requisiti sono soddisfatti o superati (durata di vita ed ergonomia) possono essere utilizzati. I nostri interruttori di abilitazione sono conformi a tutte le norme pertinenti per gli interruttori di sicurezza e in alcuni casi le superano. anche. In questo modo, vi aiutiamo a rispettare le specifiche di sicurezza quando progettate le vostre macchine.

Norme europee

EN 60 204Safety of machinery - Electrical equipment of machines
EN 775/ EN ISO 10218Industrial robots; Safety (ISO 10218:1992, modified)
VDI 2853Safety requirements for construction, equipment and operation of industrial robots (withdrawn)
VDI 2854Safety requirements for automated manufacturing systems

Standard americani

ANSI B11-TR3-2000Risk Assessment and Risk Reduction - A Guide to Estimate, Evaluate and Reduce Risks Associated with Machine Tools
NFPA 79 (2002)Electrical Standard for Industrial Machinery
OSHA 29 CFR 1910 / Subpart O / Subpart P / Subpart SMachinery and Machine Guarding Hand and Portable Power Tools and Other Hand

L’operazione speciale manuale

Se un controllo funzionale dell’unità deve essere effettuato dopo una regolazione o una manutenzione, il modo di controllo manuale è una buona scelta. Il passaggio dalla modalità automatica alla modalità manuale del sistema può essere attivato, per esempio, rimuovendo l’interruttore di abilitazione dal suo supporto a muro. Questo supporto a parete per la serie
ZB1
e
ZB2
sono offerti come accessori.

Con l’aiuto dei pulsanti di comando o di funzione opzionali integrati nell’interruttore di abilitazione, l’operatore può controllare il sistema in modalità manuale nella zona di pericolo.

La sequenza di funzioni a 3 stadi con apertura positiva

Nella maggior parte degli interruttori di abilitazione, vengono utilizzati contatti a rottura positiva, che descrivono elementi di commutazione appositamente progettati per garantire che i contatti di commutazione siano sempre separati in modo sicuro. Questo vale anche se i contatti devono essere saldati. Anche in questo caso, la connessione viene scollegata dalla forza di attuazione.

Come si può vedere dalla figura sopra, la funzione di consenso può essere raggiunta solo nel livello 2. Questo si ottiene chiudendo i contatti normalmente aperti con la forza di azionamento manuale dell’operatore. Se l’operatore rilascia il pulsante in una reazione di panico, con l’interruttore che salta dal livello 2 (On) al livello 1 (Off ), i contatti normalmente aperti si riaprono.

Fino a questo punto, tra l’altro, gli interruttori di abilitazione a 2 e 3 stadi sono anche simili nella loro funzione. Il Ladifferenza diventa evidente quando l’operatore preme troppo forte, ad esempio in caso di convulsioni o scosse elettriche. Se si utilizza un interruttore di abilitazione a 2 stadi per il funzionamento speciale manuale in area pericolosa, si deve garantire, mediante ulteriori elementi di comando, che le persone in emergenza siano in grado di eseguire un Attivare ildispositivo di arresto di emergenza nelle vicinanze (VDI 2853).

Se il punto di pressione (livello 2) di un interruttore di abilitazione a 3 stadi viene sovraccaricato (al livello 3) in caso di panico, la differenza diventa chiara. Qui, non solo i contatti normalmente aperti (S) vengono resettati, ma anche i contatti di sicurezza a rottura positiva (Ö ) vengono aperti. Inoltre, si assicura che quando si resetta rapidamente dal livello 3 (Off) al livello 1 (Off), la funzione di abilitazione nel punto di pressione al livello 2 (On) non sia attivata. Questo perché il consenso può essere dato solo se il contatto make e il contatto break positivo sono chiusi allo stesso tempo. Questo è possibile solo quando si opera dalla fase 1 alla fase 2. Quando si va dall’altra parte, dalla fase 3 alla fase 1, la fase 2 viene saltata, evitando così una ripartenza involontaria. Se l’unità di controllo ha raggiunto il livello 1, la sequenza di funzioni può essere riavviata.

Alcuni interruttori di abilitazione possono anche essere dotati di un interruttore di emergenza opzionale.

Ergonomia dei nostri interruttori di abilitazione

Il grande vantaggio dei nostri interruttori di abilitazione è la loro gestione equilibrata, anche per lunghi periodi di tempo (ad esempio quando si osservano i processi di produzione) . Il peso ridotto, il design ergonomico dell’alloggiamento, il punto di pressione leggero e stabile e i contatti a bassa usura garantiscono una lunga durata e un funzionamento sicuro in tutte le situazioni. La possibilità di usare diverse dita invece del solo pollice mantiene la forza operativa per un periodo di tempo più lungo.

I nostri interruttori di consenso in sintesi

Interruttore di abilitazione ZA1

Interruttore di consenso-unità di controllo di consenso-interruttore di consenso-installazione-interruttore di consenso-ZA1
  • 3 livelli (OFF – ON – OFF)
  • Ideale come interruttore di abilitazione sui dispositivi di ingresso
  • 1 contatto normalmente aperto (NO)
  • Dimensioni ridotte
  • Apertura forzata (livello 2 – livello 3)
  • I contatti non si chiudono al reset (livello 3 – livello 1)

Abilitazione dell’interruttore ZA2

Zustimmtaster-Zustimm-Bedieneinheit-Zustimmungstaster-Einbau-Zustimmschalter-ZA2
  • 3 livelli (OFF – ON – OFF)
  • Ideale come interruttore di abilitazione sui dispositivi di ingresso
  • 2 contatti di lavoro (contatto di commutazione)
  • Apertura positiva dei contatti ausiliari (livello 2 – livello 3)
  • I contatti non si chiudono al reset (livello 3 – livello 1)
  • La configurazione dei contatti ridondanti soddisfa la categoria di sicurezza 4
  • Contatti ausiliari per funzioni di monitoraggio
  • Con cappuccio in gomma IP65

Interruttore di abilitazione ZA3 / ZA5

Interruttore di consenso-Unità di controllo di consenso-Installazione-Interruttore di consenso-ZA3-ZA5
  • Dimensione di installazione Ø 16 mm
  • 3 livelli (OFF – ON – OFF)
  • Ideale come interruttore di abilitazione sui dispositivi di ingresso
  • 2 contatti di lavoro (contatto in scambio)
  • I contatti non si chiudono al reset (livello 3 – livello 1)
  • La configurazione dei contatti ridondanti soddisfa la categoria di sicurezza 4
  • Con cappuccio in gomma IP65

Interruttore di abilitazione ZA6

Zustimmtaster-Zustimm-Bedieneinheit-Zustimmungstaster-Einbau-Zustimmschalter-ZA6
  • 3 livelli (OFF – ON – OFF)
  • Design ergonomico
  • 2 contatti di lavoro
  • I contatti non si chiudono quando si resetta (da livello 3 a livello 1)
  • La configurazione dei contatti ridondanti soddisfa la categoria di sicurezza 4
  • Classe di protezione IP65

Abilitazione dell’interruttore ZB2

Pulsante di consenso-accetta maniglia-ZB2-B-COMMAND
  • 3 livelli (OFF – ON – OFF)
  • design ergonomico
  • 2 contatti di lavoro –
  • I contatti non si chiudono al reset (livello 3 – livello 1)
  • La configurazione dei contatti ridondanti soddisfa la categoria di sicurezza 4
  • Classe di protezione fino a IP67
  • Lampada di segnalazione opzionale
  • Pulsante opzionale o interruttore a chiave
  • Pulsante a fungo opzionale per l’arresto di emergenza
  • Connessioni a saldare
B-COMMAND SUPPORTO

Avete domande?

Il nostro staff può essere raggiunto tramite chat e il modulo di contatto e sarà felice di rispondere a qualsiasi domanda tu possa avere.

INVIACI IL TUO MESSAGGIO

INFORMAZIONI DI CONTATTO

B-COMMAND GmbH
Grützmühlenweg 46
22339 Hamburg
Germania

040 53 80 92 50
040 53 80 92 86

Seguiteci sui nostri canali di social media e siate informati sui nuovi prodotti.